Contattami all'indirizzo » matteo.mentuccia@psycoaching.eu

Oggi ti propongo un interessante articolo del Dott. Marco Dicugno che tratta di alcune ricerche che stanno prendendo in considerazione l'ipotesi che il Microbioma sia coinvolto nel mediare l'interazione tra fattori esogeni, ossia esterni, e il nostro organismo.
 










ll Microbiota è l’insieme dei microrganismi che convivono nell'organismo umano senza danneggiarlo, mentre il Microbioma è l’insieme del patrimonio genetico e delle interazioni ambientali di questi microrganismi.
Si tratta principalmente di batteri ed è possibile identificare tra le 500 e le 10.000.000 di specie. Il loro numero è circa 10 volte quello delle nostre cellule, tuttavia non si tratta solamente di batteri ma anche, in misura minore, di virus e miceti.

Lo sviluppo del microbioma umano avviene nei primi giorni di vita ed è essenziale per la maturazione e lo sviluppo del sistema immunitario (Belkaid & Hand, 2014).
L’adolescenza è un periodo di sviluppo cognitivo e comportamentale estremamente sensibile e la letteratura ha ampiamente dimostrato come l’ambiente sia in grado di interferire e quindi modificare lo sviluppo cognitivo e comportamentale durante questa fase dello sviluppo.

Tra i fattori che influenzano lo sviluppo dell’individuo in adolescenza ci sono lo status socio-economico e la relazione con i propri caregiver. È stato dimostrato come queste due componenti possano portare allo sviluppo di disturbi psichiatrici (Flannery et al., 2019).
Alcune ricerche hanno inoltre dimostrato che il comportamento del caregiver potrebbe portare a modifiche nello sviluppo delle funzioni nervose sia a carico del sistema nervoso centrale che di quello periferico (Fisher et al., 2016).
Dalla letteratura si evidenzia come anche il microbioma intestinale sembri influenzare, insieme ad altre variabili, lo sviluppo neurobiologico e mentale in adolescenza (Dinan & Cryan, 2016).
Recenti esperimenti sugli animali mostrano che il microbioma comunica con il sistema nervoso centrale influenzando il comportamento sociale, esplorativo e affettivo dell’animale.

I ricercatori stanno considerando l’ipotesi che il microbioma medi l’interazione trai i fattori esogeni (ovvero fattori esterni che interagiscono con il nostro organismo) e il nostro organismo. Di conseguenza la capacità dell’ambiente di influenzare il nostro comportamento dipenderebbe anche dal nostro microbioma, tuttavia non si tratterebbe di un processo unidirezionale dato che l’ambiente, in particolare nel primo anno di vita, impatterebbe in maniera significativa sulla modifica del nostro microbioma. Quindi, riassumendo, l’ambiente modificherebbe il nostro microbioma, e quest’ultimo a sua volta inciderebbe sulla capacità dell’ambiente di modificare il nostro comportamento: si tratta quindi di una relazione bidirezionale.

È stato dimostrato come sia negli umani che negli animali i fattori stressanti, come ad esempio una relazione negativa con i propri caregiver, modifichino la quantità di alcuni batteri del nostro intestino (Flannery et al., 2019).
Secondo una ricerca pubblicata su American Society for Microbiology, sembrerebbe che il microbioma possa essere modificato anche dopo i primi anni di vita, e che vada ad incidere in maniera significativa con cambiamenti comportamentali dell’individuo. Tale cambiamento sembrerebbe essere causato dalla relazione con i propri caregiver; per lo studio sperimentale sono stati presi in esame 40 bambini (età media 7 anni) e i relativi caregiver. A quest’ultimi sono stati somministrati questionari riguardanti il comportamento abituale che avevano nei confronti dei propri figli.
In seguito è stato estratto il DNA dalle feci dei bambini per individuare e categorizzare il microbioma; una volta ottenuti questi dati i ricercatori hanno osservato che la varianza di popolazione batterica nei bambini cambiava a seconda dei comportamenti tenuti nei loro confronti dai caregiver.

In conclusione il suddetto studio suggerisce che, quando consideriamo lo sviluppo psicologico di un bambino, bisogna tener conto di fattori biologici, psicologici, ambientali, psicosociali, e infine risulta essere decisivo anche il microbioma.
I ricercatori sostengono che per la metodologia utilizzata nel suddetto studio non si possa fare un’inferenza di causalità, dato che si tratta di uno studio cross-sectional. Si evidenzia quindi la necessità di ulteriori studi per rafforzare l’ipotesi che il microbioma possa essere modificato dall'ambiente (in particolare dal comportamento dei caregivers) (Flannery et al., 2019).



 

Dr. Matteo Mentuccia

Dr. Matteo Mentuccia, psicologo, mental coach e psicoterapeuta

Sono un Mental Coach, Psicologo, Psicoterapeuta ad orientamento Dinamico Integrato, iscritto all'ordine degli psicologi del Lazio (n° iscrizione 20283), svolgo la libera professione a Colleferro e a Roma.

Dove mi trovi

Dr. Matteo Mentuccia
Mental Coach | Psicologo | Psicoterapeuta

Via Fontana dell'Oste, 62 - 00034 - Colleferro (RM)
Via Tocra, 7 - 00199 - Roma

349 6363834 | matteo.mentuccia@psycoaching.eu

P.IVA: 14127391002

Commenti recenti