Contattami all'indirizzo » matteo.mentuccia@psycoaching.eu

Il Pigging

Venerdì, 09 Luglio 2021 12:41 Scritto da 
Oggi ti propongo un breve articolo su un nuovo fenomeno emergente: il Pigging.

Il bullismo, come la maggior parte dei comportamenti sociali, cambia, si adegua ai tempi e assume forme nuove.
Una nuova forma di bullismo, diffuso negli Stati Uniti ma in crescita anche in Europa, è infatti il Pigging, che letteralmente significa “acchiappa il maiale” (pull a pig).
Questo fenomeno si manifesta nel modo seguente: un ragazzo generalmente considerato “popolare” finge interesse e attrazione nei confronti di una ragazza generalmente considerata poco attraente e non conforme ad alcuni standard estetici (il “pig”). Nel momento in cui la vittima inizia a cedere al corteggiamento, a fidarsi e a ricambiare le attenzioni ricevute, il bullo svela che l’interesse era finto, che si trattava solo di uno scherzo e che tutto era avvenuto soltanto per divertire gli amici.

Ovviamente il Pigging può avvenire sia sui social sia nella vita reale ed è un fenomeno che alla base è caratterizzato da violenza, misoginia, sessismo implicito nelle azioni, aggravate dal fatto che a bullizzare la vittima è il gruppo, per mano di un singolo individuo che assume il ruolo di esecutore materiale.
 
La ragazza soggetta a Pigging subisce umiliazione e prova frustrazione e un senso di ingiustizia in quanto prima si è trovata a dare fiducia ad una persona per poi scoprire che è soltanto vittima di un inganno. Tutto ciò non può che provocare danni all’autostima con tutte le conseguenze che ne derivano.
 
In letteratura, esiste un romanzo “Non fate arrabbiare Petra” che parla di questa forma di bullismo. In questo romanzo, la protagonista subisce un episodio di Pigging da parte del ragazzo di cui è innamorata, alla festa del suo compleanno. Petra, una volta vissuto tutto ciò che questa esperienza comporta emotivamente, trova la forza di reagire nello sport, nella fattispecie nel pugilato, che per lei rappresenta un modo per incanalare l’aggressività ed esprimere delle parti di sé altrimenti destinate a implodere.
Petra è solo un esempio di come si può reagire al bullismo e trasformare la rabbia in qualcosa di buono.

Un saluto

Dr. Matteo Mentuccia
Ultima modifica il Venerdì, 09 Luglio 2021 13:37
Letto 1049 volte
Vota questo articolo
(0 Voti)
Altro in questa categoria: « Catcalling
Devi effettuare il login per inviare commenti

Articoli correlati (da tag)

  • Come migliorare l'autostima in 10 passi
    Molto spesso avrai sentito parlare di persone che hanno problemi di bassa autostima, che non credono in sè stesse e che come conseguenza inevitabile non si avventurano mai in qualcosa che potrebbe piacergli per paura di non riuscire.
    Se anche tu hai problemi di autostima, questo è un articolo che potrebbe interessarti perché ti svelo i 10 passi per poterla migliorare.
  • Social Network: nuove cause di patologia mentale?
    I social network hanno avuto un impatto enorme nelle vite di tutte le persone. È evidente come individui che vivono a migliaia di chilometri di distanza non avrebbero mai potuto conoscersi e sviluppare delle vere e proprie amicizie se non relazioni amorose. Anche il mondo del lavoro è cambiato attraverso i social, basta pensare agli annunci lavorativi o di vendita di prodotti che si trovano su Facebook o Instagram.
  • I 3 errori da non commettere con le amicizie social
    Facebook, Twitter, Instagram...Da quanto i social sono entrati nelle nostre vite è stato modificato il concetto di amicizia. Da una parte l'amicizia reale, in carne ed ossa, fatta di incontri, parole, abbracci, sguardi, dall'altra quella social fatta da foto e di parole scritte tramite una tastiera.
    A questo punto sorge una domanda: ma le amicizie social possono essere equiparate a quelle reali o addirittura sostituirle?
    In questo articolo ti svelo alcuni errori che puoi commettere sulle le amicizie social.

Dove mi trovi

Dr. Matteo Mentuccia
Mental Coach | Psicologo | Psicoterapeuta

Via Fontana dell'Oste, 62 - 00034 - Colleferro (RM)
Via Tocra, 7 - 00199 - Roma

349 6363834 | matteo.mentuccia@psycoaching.eu

P.IVA: 14127391002

Commenti recenti

Ultimi aggiornamenti dal blog